Il Metodo S.M.A.R.T. per impostare obiettivi efficaci
Gli obiettivi aziendali intelligenti

Il Metodo S.M.A.R.T. per impostare obiettivi efficaci

Come stabilire traguardi specifici e misurabili per far crescere la tua attività.

Pubblicato il in Data Driven Marketing
labelTags:Aziende
av_timer4 minuti di lettura

Vuoi applicare il metodo Data Driven nella tua attività?

Noi di Wybe siamo determinati a far crescere le micro-imprese italiane. La nostra unica domanda è: tu sei altrettanto determinato?

Richiedi l'analisi gratuita

Raccogliere i dati è un processo inutile se non si hanno obiettivi da raggiungere, e gli obiettivi stessi sono inutili quando non vengono fissati in maniera funzionale. Proprio per questo motivo ci avvaliamo del metodo S.M.A.R.T. che ci permette di strutturare gli obiettivi in modo che rispondano a 5 caratteristiche fondamentali: specificità, misurabilità, raggiungibilità, rilevanza e tempistica.

Impostazione degli obiettivi tramite il Modello SMART

Per definire in maniera precisa gli obiettivi della nostra azienda abbiamo bisogno di utilizzare un modello collaudato basato su parametri ben definiti che ci consentano di valutarlo. Ecco che entra in gioco il modello SMART. SMART non è solo una parola inglese dai significati perlopiù positivi -intelligente, brillante, svelto - ma, in questo caso, è un acronimo risultante dalle iniziali dei 5 parametri su cui si fonda: specificity, measurability, achievability, relevance e timing. Vediamo come impostare una strategia smart seguendo tutti e cinque questi criteri.

SPECIFICITÀ

Con specificità (specific) si intende la necessità di essere molto chiari relativamente a quello che vogliamo ottenere. Cosa vogliamo? Perché quest’obiettivo è importante per noi? Come pensiamo di poter raggiungere il nostro proposito? Rispondendo a queste domande riusciremo a soddisfare questo primo parametro.

MISURABILITÀ

Il successivo criterio che il nostro progetto deve soddisfare è la misurabilità (misurable). Perché ciò accada occorre essere in grado di determinare, in maniera lineare e senza lasciare domande insolute, se saremo in grado di raggiungere l'obiettivo desiderato. Per questo dobbiamo creare un sistema di misurazione che ci permetta di tenere sotto controllo i nostri progressi e il raggiungimento del risultato finale. Per definire misurabile un obiettivo dobbiamo includere step intermedi nella nostra strategia, perché ci permettano di renderci conto se ci stiamo muovendo nella direzione giusta. Per monitorare l’effettivo funzionamento della nostra strategia dobbiamo selezionare degli indicatori chiave di prestazione - KPI ossia Key Performance Indicator.

RAGGIUNGIBILITÀ

Il terzo criterio riguarda la raggiungibilità (achievable) degli obiettivi. Con questo parametro intendiamo porci obiettivi effettivamente realizzabili e non puntare né troppo in “alto” né troppo in “basso” rispetto alle nostre possibilità. Impostare obiettivi irrealizzabili porterebbe solamente ad una sensazione di frustrazione dovuta al continuo fallimento. È utile allegare al piano generale dei piani subordinati per gestire i singoli passi che ci porteranno all'obiettivo, legandoli all'impiego del tempo e delle risorse disponibili.

RILEVANZA

Il quarto punto riguarda la rilevanza (relevant) dell’obiettivo per la nostra attività. È un criterio molto importante che ci permette di capire se e quanto vale la pena di impiegare tempo e risorse per il suo raggiungimento. Gli obiettivi che non sono in linea con gli altri elementi che, direttamente o indirettamente, intervengono nella nostra attività sono spesso irraggiungibili. Un obiettivo è rilevante se ha senso e può essere ricondotto al nostro business model, alla nostra mission, al mercato, ai clienti e al settore a in cui operiamo.

TEMPISTICA

L’ultimo criterio riguarda la tempistica (timing). Ogni obiettivo deve avere un periodo di tempo limitato che può variare a seconda della complessità dell'obiettivo stesso, con una dead line precisa che va rispettata per evitare di non destinare le giuste attenzioni e la giusta considerazione al raggiungimento del risultato finale. Per rispettare la tabella di marcia è consigliabile creare una timeline: questa non solo dovrebbe avere una data di fine, ma anche delle date intermedie di verifica per i vari step individuati tramite la pianificazione dei risultati impostata tramite il quarto criterio (raggiungibilità).

Il Metodo S.M.A.R.T. è applicabile ad ogni tipo di attività: sia online che offline!

Ciò che sempre più spesso ci viene chiesto è se questo metodo possa essere applicato anche alle realtà offline. Ovviamente è possibile impostare degli obiettivi S.M.A.R.T. anche per attività non digitali, anzi, è fondamentale! Infatti ogni attività può strutturare i propri obiettivi in maniera efficiente e precisa attraverso la programmazione di un metodo basato su parametri così specifici.

Tutti vogliamo fare in modo che la nostra attività cresca e raggiunga traguardi soddisfacenti, ma non tutti riescono a farlo, il più delle volte per mancanza di una strategia con obiettivi efficaci. Rispettando questi 5 parametri ogni volta che definiamo un obiettivo per la nostra attività saremo sicuri di averlo fatto in maniera corretta e in modo da aver migliorato il nostro business.

Se tu hai una mela ed io ho una mela e ce le scambiamo entrambi avremo ancora una sola mela. Ma se io ho un’idea e tu hai un’idea e ce le scambiamo allora entrambi avremo due idee! Condividi la cultura digitale.


Vuoi applicare il metodo Data Driven nella tua attività?

Noi di Wybe siamo determinati a far crescere le imprese italiane. La nostra unica domanda è: tu sei altrettanto determinato?

Richiedi l'analisi gratuita

Vuoi applicare il metodo Data Driven nella tua attività?

Noi di Wybe siamo determinati a far crescere le micro-imprese italiane. La nostra unica domanda è: tu sei altrettanto determinato?

Richiedi l'analisi gratuita

Se ti è piaciuto questo articolo, clicca Mi Piace!

oppure seguici su Twitter!

Prima di andare via ti suggeriamo di dare un'occhiata a questi post che potrebbero interessarti:

Small Data spiegati da Kirk Borne

Small Data vs Big Data

Conoscerli per capirli ed imparare ad usarli: a lezione da uno scienziato della NASA.

Pubblicato il in Data Driven Marketing
La marcia in più per le attività

Small Data: i dati che realmente ti servono

Non puoi processare grandi moli di dati, ma quelle piccole sì.

Pubblicato il in Data Driven Marketing
Come farlo fare anche a tua nonna

Raccogliere i dati per la mia attività

Come evitare gli errori più comuni di raccolta? Leggi la nostra guida.

Pubblicato il in Data Driven Marketing